f35

Insabbiata in Senato Mozione “No Nuke-F35″ Cotti, firmata da 80 senatori


Da nove mesi è insabbiata al Senato la mozione “urgente” del M5S, primo firmatario il vice capogruppo Roberto Cotti, con la quale si chiede al Governo di impegnarsi a non procedere all’acquisizione dei requisiti hardware e software necessari per equipaggiare gli F35 delle capacità necessarie per trasportare e sganciare armi nucleari del tipo B61-12.
Una mozione che non viene ancora calendarizzata, in barba ad ogni regolamento che il presidente Grasso dovrebbe far rispettare. Denunciamo questa grave violazione dei nostri diritti in quanto opposizione parlamentare e chiediamo che venga portato al più presto in Aula il testo che ha raccolto l’adesione di oltre 80 senatori.
Allo stesso tempo il governo spende milioni di euro per ristrutturare i depositi che sul territorio italiano, in palese violazione del Trattato di non proliferazione nucleare (Tnp), custodiscono bombe nucleari sotto la giurisdizione statunitense. Bombe che è previsto siano caricate sugli F35. Lo scopriamo a più di un anno dalla stipula del contratto a firma della nostra Difesa, un atto tenuto secretato fino ad oggi.
In conferenza stampa sono state annunciate le prossime azioni parlamentari del Movimento 5 stelle, con l’allargamento del fronte antinucleare e il coinvolgimento delle associazioni pacifiste e antinucleariste.

Un commento

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile. I campi obbligatori sono segnati. *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>